La storia della Scuola Cometa

La Scuola Steineriana Cometa è una scuola non paritaria riconosciuta dal MIUR, iscritta alla Federazione delle scuole Steiner-Waldorf. Comprende Scuola dell’infanzia, Scuola primaria e Scuola secondaria di Primo grado. Il piano di studi è articolato in un unico ciclo di otto anni, comprensivo di elementari e medie. La sua fondazione è stata voluta e realizzata da un gruppo di genitori e di insegnanti per rispondere alla crescente esigenza di un’educazione basata su questa pedagogia nella zona centro-sud di Milano. Il ciclo di otto anni (primaria e secondaria di primo grado) è stato avviato con la nascita della prima classe nell’anno scolastico 2005/2006. In seguito, ogni anno è stata inaugurata una nuova prima classe, fino al compimento dell’intero ciclo di otto classi, che è avvenuto nell’anno scolastico 2012/2013.

La Scuola Steineriana Cometa è gestita da un’associazione libera, senza scopo di lucro ed è indipendente da partiti o confessioni religiose. Le responsabilità giuridiche e amministrative fanno riferimento al Consiglio di Amministrazione, mentre la direzione pedagogica è condotta dal Collegio degli Insegnanti. I costi della scuola sono sostenuti da rette e donazioni, dai genitori che, attivamente partecipi alla vita della scuola, sono un importante sostegno sia morale che materiale all’attività didattica degli insegnanti e a quella gestionale del Consiglio di Amministrazione. Il loro contributo in termini economici, di tempo, di apporti professionali, è una preziosa caratteristica che qualifica la nostra scuola anche sul piano sociale e culturale.

Progetto scolastico

La nostra scuola persegue un progetto che coinvolge direttamente la crescita culturale degli adulti che si occupano dell’educazione e dell’istruzione dei bambini. Attraverso conferenze, brevi seminari a tema, esperienze artistiche e spettacoli propone vari spunti di riflessione che diano un contributo originale in campo culturale, esprimendo la sua identità e cercando un confronto con le realtà già attive attraverso offerte di qualità. Alcuni eventi si tengono presso il teatro “Alfredo Chiesa” di via San Cristoforo; si tratta di aspetti qualificanti della nostra offerta pedagogica che desideriamo condividere con chi vive e opera in zona: ad esempio un concerto per bambini, uno spettacolo con immagini, parola recitata, canto, musiche sul tema del Natale, la messinscena di una fiaba in Euritmia (arte che rende visibile parola e canto). Due nostri appuntamenti sono espliciti inviti a conoscere direttamente la nostra pedagogia, la nostra realtà e le persone che lavorano per realizzarla: all’inizio dell’anno scolastico presentiamo chi siamo e su cosa ci fondiamo (idealmente, storicamente e materialmente); verso il termine apriamo le porte della scuola e mostriamo il lavoro che hanno compiuto i nostri allievi durante l’anno trascorso. 

Molta importanza viene data quindi, nella pedagogia Steiner-Waldorf, a tutte le occasioni di incontro dell’intera comunità scolastica, per esempio gli incontri culturali, le festività dell’anno e le recite teatrali. Inoltre le varie classi, dalla I all’VIII, propongono a tutti gli alunni della scuola rappresentazioni artistiche di vario genere (musicali, euritmiche, recitative, ginniche …), rendendoli partecipi del lavoro svolto nelle lezioni. Tali incontri vogliono avere la funzione di sviluppare un sano senso sociale, creando nei presenti un vero interesse per l’attività e la creatività degli altri. 

I più giovani, di fronte all’esibizione degli allievi più grandi, sono pieni di ammirazione e sentono che anche loro, un giorno, saranno in grado di fare altrettanto; i più grandi possono rivivere esperienze significative del passato.

Ambiente scolastico e materiali didattici

L’edificio scolastico è suddiviso su due piani. Nel primo, adiacente al giardino, sono state collocate le prime quattro classi e la Segreteria, mentre al secondo si trovano le quattro classi che vanno dalla V all’VIII, il laboratorio di chimica, fisica e mineralogia, l’aula di lavoro manuale, il laboratorio di falegnameria, l’aula di Euritmia e l’aula di Musica, un atrio con il palcoscenico utilizzato per le recite e le rappresentazioni svolte nel corso dell’anno dalle varie classi e l’aula Insegnanti.

Gli ambienti e i materiali didattici, preparati dagli insegnanti e dai genitori, assumono un carattere educativo, formativo e sociale. 

Il materiale didattico è scelto e preparato con criteri atti a favorire anche lo sviluppo sensorio e l’abilità manuale ”fine”. All’inizio gli alunni utilizzano materiali appartengono alle esperienze manuali primarie dell’uomo (lana, cera d’api); crescendo, si cimentano alla trasformazione diretta di materie (creta e legno) che richiedono sempre più forza e abilità, anche per l’uso degli attrezzi appropriati. 

L’attiva partecipazione degli scolari viene sviluppata anche nella compilazione di appositi quaderni di classe (quadernoni), sotto la guida degli insegnanti, in cui confluiscono, anche in forma artistica, gli aspetti salienti dell’insegnamento. Il lavoro di redigere i quadernoni stimola la volontà individuale e personalizza lo strumento di acquisizione delle conoscenze. 

Negli ultimi anni del ciclo questi quaderni di classe sono arricchiti da dispense, testi e materiale bibliografico, opportunamente creati e scelti per rendere gli alunni sempre più autonomi e responsabili nello studio.